Transaminasi – Cosa sono le transaminasi, rischi e come abbassarle

Il termine per molti potrebbe non voler dire nulla, alcuni lo conoscono già e molti altri, invece, si chiedono cosa sono le transaminasi. Questa domanda merita una risposta chiara e quanto più possibile esaustiva per avere bene in mente di cosa si sta parlando, quali siano i fattori di rischio e quali azioni preventive si possono adottare per abbassarle o tenerle sotto controllo.

Cosa sono le transaminasi  e a cosa servono

Innanzitutto chiariamo che le transaminasi sono degli enzimi di diversi tipi necessari al corretto funzionamento del fegato o dei muscoli, esse servono alla transaminazione, ovvero a trasformare degli aminoacidi in altro. Quando le cellule sono danneggiate, questi enzimi aumentano la loro concentrazione e finiscono con il riversarsi nel sangue. Ecco perché con un esame del sangue si possono notare e monitorare gli incrementi.

cosa significa quando i valori sono alti ?

Naturalmente il medico è fondamentale nella lettura dei valori, perché se da un lato valori alti di transaminasi possono essere indicativi di problemi di natura cardiaca o epatica, dall’altra possono anche essere semplicemente dovuti ad un’attività fisica particolarmente faticosa, anche per questo quando si fanno delle analisi è consigliato stare a riposo e, ovviamente, digiuni, proprio per evitare delle anomalie dovute ad agenti non indicativi di particolari problematiche.

Tenere sotto controllo con esami questi indicatori può, di conseguenza, essere fondamentale nel rivelare determinate patologie legate alle transaminasi ed ad un loro incremento anomalo. Capirete, dunque, come il consiglio del proprio medico di fiducia, una dieta sana ed un’attività fisica regolare e misurata, possono essere fondamentali per abbassare le transaminasi e scongiurare alcune delle eventualità sopra indicata.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 + = dodici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>